martedì 9 febbraio 2010

La rivoluzione del calzino



A casa mia i calzini si stanno ribellando. Non ci credete vero?
Invece è davvero così! È arrivato il loro momento: la rivoluzione sessuale del calzino. Non vogliono essere più coppia, paio: no, stanno scoppiando, si stanno spaiando. Almeno, è quello che succede a casa mia.
I calzini fino a che sono nuovi, va bene, i due calzini stanno attaccati con quel filo di plastica durissimo che provi sempre a spezzarlo e non si spezza e alla fine lo spezzi coi denti. Dicevo, fino a che sono nuovi stanno insieme, beati, congiunti, uniti, vanno d’accordo, sembra che non sappiano vivere uno senza l’altro. La loro casa è il buio del cassetto, che magari sa di spigo, o magari non sa di niente, solo di cotone nuovo di loro due: dei calzini.
Alla prima lavatrice provano il brivido. Il brivido di essere indipendenti, uno di qui e uno di là in un viaggio lento e centrifugato di acqua calda. E profumata. Sì, i calzini cominciano a vivere la loro vita. E cominciano a pensare che anche da soli non si sta male…
Appena finito questo viaggio tornano insieme, felici, e attaccati a un filo sotto il sole o in mezzo al vento, si raccontano l’esperienza appena vissuta, parlano di quanto è bello quell’olivo lì a due metri, di come profuma il limone, a due passi.
Dopo qualche giorno tornano in lavatrice per un nuovo viaggio, e il calzino a righe incontra quello arancione. E quello blu parla con quello bianco, e l’altro blu con quello giallo.
Un vero girotondo di calzini! E qui, inizia il bello a casa mia: quando vai a metterli ai fili già qualche calzino singolo è scomparso, via, non c’è più. E quando vai a stirare è il caos totale… Magari, sì, dopo una settimana viene fuori un calzino giallo insieme abbracciato stretto stretto a quello bianco con la striscia blu…
Ho un mucchietto di calzini singoli a casa mia, non li butto perché so che tra qualche viaggio in lavatrice torneranno fuori le loro anime gemelle…
Anche i vostri calzini hanno un’anima come i miei?

6 commenti:

  1. Ah Ah Sandra , proprio quello che succede ai miei calzini!Serena Notte .Maryline

    RispondiElimina
  2. Simpatica!
    Una volta scrissi un'ode ai panni bucati!
    Siamo proprio da spasso... modestamente...
    Ciao ciao
    Stefania D.

    RispondiElimina
  3. "Sense of humour" British un pò meno toscano molto casalinga che "adora" stare incollata all'oblò della lavatrice.Sai scrivere con perizia Sandra.Brava.Bianca 2007

    RispondiElimina
  4. Carissime, dai fili dei panni riesco a trovare sempre delle cose da scrivere...
    Forse in un'altra vita ero una lavandaia in un grande castello?
    A presto! Sandra

    RispondiElimina
  5. A casa mia è molto molto peggio. Più ci sto attenta più li perdo per strada. Ho una scatola piena di calzini singoli che stanno belli al calduccio per mesi e mesi fino a quando perdo la speranza e decido, con grande coraggio e tristezza, di buttarli. Quelli single solo da poco, stanno invece beati in bella mostra sull'unico mobile decente del salotto, in bella vista davanti ai bicchieri di cristallo...la mia speranza è sempre l'ultima a morire.
    Peggio ancora quando metto i calzini nel cassetto sbagliato e chi ha il 43 deve infilarsi un 37 e viceversa...una bella impresa!!
    Tina

    RispondiElimina
  6. Bello questo dei calzini!
    Anche a me succede, ma io sono come Indiana Jones, se c'è un calzino perduto faccio una ricerca in tutti i cassetti. Ciao Massimo

    RispondiElimina

Non copiare... uccidi solo la tua creatività!

Gli scritti pubblicati in questo blog sono di proprietà dell'autrice. E anche molte delle foto!

© COPYRIGHT - Le leggi italiane ed internazionali sul Copyright proteggono le immagini fotografiche il testo e la grafica ivi contenute. È proibita la riproduzione totale o parziale, in qualsiasi forma e con qualsiasi mezzo, senza il mio esplicito consenso scritto e da me sottoscritto.

Altre immagini invece sono state prese liberamente dal web. Nel caso l'autore ne desiderasse la rimozione basterà che lasci un commento.